Italia Eventi 24
LinguaIT
Cagliari e Sant’Efisio: una “rinascita” che dura 360 anni.
Un amore incondizionato e sincero che lega Cagliari alla sua memoria.

Un vero amore è incondizionato e sincero,ma ogni tanto ha pur bisogno di rinnovarsi anche solo un po’ di tempo per sentire più vicino l’oggetto di tanto amore.

È quello che ogni anno succede a Cagliari e alla Sardegna col patrono Sant’Efisio,festeggiato e celebrato non a caso all’inizio del mese di maggio,con l’inizio della bella stagione e la rinascita della natura.

Fra gli abitanti della città e dell’Isola e la figura del Santo è senza dubbio amore incondizionato,probabilmente per il suo forte legame col territorio,dove il Santo,secondo la leggenda,ha vissuto persecuzione e condanna a morte e dove i suoi festeggiamenti,con il tempo,hanno assunto una forte connotazione di indipendenza,libertà e resistenza alle guerre,alla sofferenza e spesso alla morte.

Una figura che parla di coraggio.

Efisio,secondo quanto tramandato dagli agiografi,fu un comandante dell’esercito romano sotto l’imperatore Diocleziano,in piena persecuzione contro i cristiani. Servì diligentemente l’esercito fino a quando,avuta la vocazione,pensò di convertirsi. Fu per questo imprigionato a Nora e,dopo ripetute torture,morì decapitato proprio sulla bella spiaggia nei pressi di Pula.

Fra tradizione e leggenda.

Le reliquie del Santo,dopo essere state conservate per circa 750 anni nella chiesetta di Nora insieme a quelle di San Potito,furono portare a Pisa nel 1098 e vi rimasero fino al 1886,anno in cui furono riportate a Cagliari.

La devozione per il Santo non diminuì,ma anzi si caricò di solennità e rispetto intorno al 1655 quando,in seguito al voto fatto al Santo,la terribile epidemia di peste ebbe fine.

Fu allora che la popolazione si legò fortemente a Sant’Efisio con il voto perpetuo e la promessa di ringraziare e festeggiare annualmente il Santo per la salute ritrovata.

La confraternita maggiormente legata al Santo e ai riti che si celebrano in suo onore tra l’1 e il 4 maggio,è l’Arciconfraternita del Gonfalone. Sono tante le tradizioni centenarie che fanno da protagonista durante la festa,dall’abito azzurro-indaco con bottoni bianchi dei Confratelli,all’abito completamente nero delle Consorelle,ai riti che precedono la processione del primo maggio verso Pula e il suo ritorno tre giorni dopo verso la chiesa del patrono nel quartiere di Stampace. Nel totale silenzio e nell’intimità della città.

I colori,la luce e i suoni di Cagliari.

A stupire maggiormente turisti,fedeli e curiosi,il colorato tappeto di petali di fiori (ramadura n.d.r.) con il quale viene cosparsa la strada della centrale via Roma al passaggio del cocchio del Santo,e il rombare festoso delle navi che,ancorate in porto,salutano il suo arrivo al centro della città dalla piccola chiesetta del quartiere di Stampace.

A precedere il simulacro del Santo,una statua barocca che raffigura un guerriero dotato di baffetti e armatura splendente,i gruppi folcloristici di tutta la Sardegna: gli scalzi di Cabras,le meravigliose donne di Tempio Pausania,la poesia di Orgosolo,con i colori vivaci,e gli abiti di Quartu,ricchi di "prendas",ori in filigrana degni di una Medea mediterranea.

Sant’Efisio,per quanto se ne riconosca appieno il carattere di devozione da parte dei cagliaritani e dei sardi,non è solo religione in senso stretto,è in realtà un legame profondo che passa dai secoli di carestie,guerre,pestilenze e invasioni in cui,pregare e festeggiare il Santo,anche solo per un secondo,ha significato per i cagliaritani essere veramente liberi di coltivare il proprio angolo interiore.

Redazione Ablativ S.r.l.

109 eventi pubblicati

48 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

# Altre Notizie

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español